Si tira avanti

Resilienza

Se sei uno straniero e ti fermi un momento ad ascoltare due italiani che dialogano, potrai sentire tante espressioni tipiche che racchiudono mondi e filosofie quasi sparite; oggi voglio analizzarne una che trovo molto rappresentativa del mood italiano: Si tira avanti.

Solitamente questa espressione si sente tra persone che hanno accumulato un certo numero di natali e sono arrivati al punto di aver capito che gli ideali e la ribellione tipici della giovinezza non hanno più lo stesso vigore e bisogna quindi mediare con le reali capacità.
Si tira avanti significa anche non mollare o abbandonare il campo di battaglia, questo 2020 ci ha messo tutti davvero alla prova e la reazione a ciò che è successo sarà qualcosa che ci porteremo con noi per sempre.

Dietro a questa battuta così semplice e che sembra voglia tagliar corto discorsi troppo lunghi, c’è molta forza, la tipica forza di persone diventate sagge per età o esperienza che conoscono cosa davvero può ferire e trasformare una vita in miserabile.
Ci sono zone geografiche e storie di popoli per cui questa espressione è la normalità, come a dire che la vita ti metterà sempre davanti a delle sfide e che se può ostacolarti lo farà.

Nella mia, ancora abbastanza breve, esperienza di vita sono solita dire che “La vita è beffarda” e noi siamo delle pedine che tentano quotidianamente di raggiungere quella vana soddisfazione che ci fa sentire parte di qualche cosa; altra battuta simile è Si tira a campare che potrebbe suggerisce la fatica di vivere a stenti o più semplicemente che per vivere si deve faticare e che nulla ci è dovuto.

Non tutti nascono con il coraggio del combattente o pronti con le armi necessarie per affrontare quello che la vita ci mette di fronte, quindi il più delle volte ci si deve inventare come attori abbastanza astuti per superare anche le più dure difficoltà, ecco quindi che si deve tirare avanti per non abbandonare il campo di battaglia e per non dare nessun tipo di soddisfazione a chi non crede in noi; queste espressioni si possono considerare quasi un simbolo di Resilienza.

Interessante è vedere che Si tira avanti si colloca nella parte settentrionale della penisola, mentre Si tira a campare ha un’assonanza più meridionale, andando oltre le solite divisioni da ante unità d’Italia, è istruttivo vedere che su certi aspetti siamo così simili e abbiamo la stessa tenacia di chi non molla niente e ha sempre la voglia di arrivare in fondo senza dover ringraziare nessuno.

Concluderei questo pezzo con una semplice riflessione; ogni volta che vi troverete in una situazione difficile o scomoda e vi verrà chiesto uno sforzo maggiore, pensate a cosa corrisponde la vostra fatica, potrebbe essere il sorriso della persona che amate, il riconoscimento professionale oppure la vostra stessa felicità, allora fate in modo di tirare avanti.

PERCHE’ QUEST’ESTATE NON VADO ALLE CANARIE

Libertà Estate

Siamo abituati ad organizzare la nostra vita 6 mesi alla volta e le vacanze sono, paradossalmente il tema più stressante, perché tutto deve essere al giusto prezzo, completo e con elementi utili per le stories, ma questo 2020 ha deciso che dovevamo prendere fiato e smettere di correre.

Perché quest’estate non vado alle Canarie? Perché voglio scoprire l’Italia.

Nel mio percorso personale ammetto di aver visitato prima luoghi distanti abbastanza perché i km si trasformassero in miglia, piuttosto che le principali attrazioni italiche.

L’estate 2020 sarà, con molta probabilità, l’anno dove le persone visiteranno quei posti dietro casa e se ne andranno dicendo: “pensare che era dietro l’angolo e non lo sapevo”, ma l’Italia è bella proprio per questo, ti sa stupire in ogni modo e momento.

Se volete ispirarvi per un weekend oppure una vacanza ecco cosa Dreaming Emilia Romagna vi propone:

La provincia di Piacenza offre l’arte del Guercino sotto la cupola e quella dei Tortelli con la coda sopra la tavola, potete rinfrescarvi nel fiume Trebbia e visitare borghi carichi di storia e buon Gutturnio come Bobbio e Vigoleno.

La provincia di Parma porta il peso della Cultura 2020 e 2021, il Battistero e la cupola del Correggio vi aspettano in perfetta salute, Langhirano è pronto coi suoi prosciutti, mentre un’Antica corte vi attende vicino al fiume con una fetta di Culatello di Zibello in mano.

La provincia di Reggio Emilia offre passeggiate che vanno dal grande Fiume alla Pietra di Bismantova, uno sguardo al Tricolore per una punta di patriottismo e merenda con Erbazzone e Lambrusco.

La provincia di Modena incanta con la musica di Pavarotti ed il rombo della Ferrari e termina con la dolce essenza di Aceto Balsamico tradizionale.

La provincia di Bologna insegna l’arte dello studio e del libero pensiero, vi spinge a camminare fino a San Luca ed entrare in un mondo incantato alla Rocchetta Mattei, l’importante è finire con Tagliatelle e Mortadella. Bologna Tour

La provincia di Forlì-Cesena profuma di gesso e terme, è casa di Pellegrino Artusi e nasconde prodotti fatti con il cuore, come il Mandorlato di Modigliana.

La provincia di Ferrara è un elegante motivo Jazz che incontra storie di canali ed Anguille a Comacchio fino all’importantissimo Parco del delta del Po che è Riserva di Biosfera UNESCO.

La provincia di Ravenna fa da custode a Dante e racconta di storie antiche come il Sale . Saline di Cervia

La provincia di Rimini toglie i pensieri brutti con la sua notte leggera fatta di luci e cocktail, ma offre una vigorosa storia romana dove meno lo si aspetta.

Scegliere l’Emilia Romagna come meta estiva lo si può fare con ogni criterio di ricerca, dalla Storia all’Enogastronomia, dalla Natura allo Sport, l’unica cosa: preparatevi a sorridere.

Per ulteriori info potete consultare: Visit EmiliaVisit Romagna e registrarvi alla newsletter di Travel Emilia Romagna.

PERCHE’ SOLO BUONI PROPOSITI?

New Year

Altro giro altra corsa, un nuovo anno è cominciato e per la specie alla quale apparteniamo questo rappresenta un giro di boa che ci permette di azzerare in un qualche modo errori e capricci che hanno sporcato l’anno precedente, ma quanto senso ha promettersi di rispettare dei buoni propositi se non se ne ha la volontà?

Le cose che ci si impegna a rispettare sono quasi sempre le stesse: dimagrire, avere una vita più sana, volersi più bene etc….. perché per una volta non proviamo a pensare a dei propositi meno candidi e utopistici e a cose più concrete.

Ad esempio pensate ad impegnarvi per raggiungere un risultato professionale che faccia impazzire di invidia la collega perfida che è sempre pronta a punzecchiarvi, oppure accettate quella sfida che deve avere il semplice fine di dimostrare a voi stessi che avete carattere e volontà di arrivare in fondo alle cose, senza dimostrare nulla alle altre persone.

Non smetterò mai di professare un semplice concetto necessario a sopravvivere in una società fatta di maschere, siate autentici e non mischiatevi a persone che non sanno combattere ad armi scoperte, tutto torna e tutto viene svelato alla fine.

Quindi se proprio volete fare una lista di buoni propositi per questo 2020 appena cominciato, provate con questi punti:

  • Mi riprometto di usare sempre il libero pensiero e non schematizzarmi in preconcetti
  • Voglio essere onesto con chi occupa la maggior parte della mia vita e rendermi in questo modo difficile da battere, perché nulla batte onestà e trasparenza
  • Non voglio fare finta di essere chi o cosa non sono, ma posso sempre migliorare me stesso
  • Non restare troppo tempo senza ascoltare musica, è la miglior medicina contro chi non sogna e cerca di raggrinzire le nostre fantasie
  • Appoggiate le idee degli amici e non distruggete mai i loro piani, dovete essere il loro supporto sia nel successo che nel fallimento
  • Per finire, amate la vostra vita e non sprecatela a fare cose che non apprezzate è il peggior modo di buttare via il vostro tempo

Cosa realmente verrà rispettato in questo nuovo vortice di date che passano alla velocità della luce non saprei dirlo con sincerità, ma solo il fatto di provarci è segno che vogliamo dare un senso alla nostra vita e non vogliamo farcela scappare dalle mani mese dopo mese.

Da Dreaming Emilia Romagna un tosto 2020!